giovedì 1 settembre 2011

L'eleganza del riccio - Muriel Barbery

L' eleganza del riccio
Barbery Muriel
E/O, 2007

***

Caso letterario del 2007 in Francia divenuto celebre grazie ad un passaparola tra lettori, L'eleganza del riccio è un libro che ho deciso di leggere proprio per via di un passaparola e di cui già le prime pagine lasciano intuire il motivo del successo.
Si tratta di un doppio diario tenuto da due inquiline del n°7 di Rue de Grenelle a Parigi: Paloma, la figlia dodicenne dall'intelligenza fuori dal comune dei Josse (padre deputato e madre in analisi laureata in lettere) e Renée: Madame Michel, la portinaia cinquantaquattrenne del ricco condominio.
Due esistenze apparentemente innocue, ma che in realtà celano grandi complessità: la prima ha progettato di suicidarsi e di incendiare la propria casa il giorno del suo tredicesimo compleanno per non finire nella “boccia dei pesci rossi” in cui finiscono tutti gli adulti; la seconda, all'apparenza una banalissima portinaia ignorante che incarna tutti i cliché tipici della sua categoria, è in realtà una grande appassionata di arte, filosofia, letteratura e cultura in generale.
Due esistenze che raccontano la loro vita viaggiando su treni diversi, le quali però si incontrano grazie all'arrivo del nuovo inquilino: il ricchissimo giapponese Monsieur Ozu. Entrambe appassionate di cultura giapponese, trovano nel nuovo arrivato un'esistenza reale e completamente distante da quelle che le circondano, una cultura che irrompe nella loro quotidianità fatta di persone banali e insulse, fatta eccezione per Marguerite, compagna di classe e unica amica di Paloma, e Manuela, la domestica portoghese unica amica di Renée. Due esistenze così solitarie, così chiuse a riccio, non potevano restare indifferenti l'una all'altra, e diventano protagoniste di un'amicizia improbabile che porterà a galla la loro più intima essenza.
Tra le numerose dissertazioni filosofiche, il romanzo fa anche riflettere piacevolmente sulla condizione dell'uomo in questo mondo in maniera divertente e profonda, grazie agli occhi e ai pensieri di una ragazzina; grazie agli occhi e ai pensieri di una donna di mezza età.
© R.F.

CERCA IL MIGLIOR PREZZO

Nessun commento:

Posta un commento

RECENSIONI PIÙ LETTE